IL BALCONE DI CASSANDRA Bello fa rima con buono e giusto

Care amiche e amici di Cassandra, buon giorno e ben trovati.

La puntata di oggi è dedicata alla bellezza in tutte le sue forme. Ringrazio Alessandra Luvi per lo spunto nato da una sua specifica richiesta.


Partiamo con tre immagini in sequenza che ci narrano tre forme di bellezza, un piccolo test :



Nell'ordine: una bufaga dal becco rosso con antilope (foto Nature-Pictures.org); la Biblioteca Nazionale Braidense di Milano (foto Ilgiornaledeinavigli.it) e ensamble botanico di casa mia (azalee).

La prima mi ispira comunanza fra specie animali diverse, la seconda è simbolo di cultura aperta e fruibile, la terza è un capolavoro della natura. Tutte queste realtà testimoniano forme diverse di bellezza che spalancano il cuore e la mente. Stimolano sentimenti positivi e sensazioni oniriche.


Torno come sempre a bussare alla porta di un filosofo per aiutarci a dare corpo ad un concetto così ampio e spesso indefinibile: la Bellezza.

Platone ci insegna che se fin da piccoli veniamo educati al bello, da grandi poi riusciremo a distinguerlo e a furia di abituarci alle cose belle, vorremo solo cose belle. Bello è armonia, è proporzione (kata metron), è gusto della misura, è virtù secondo Socrate e amore secondo Sant'Agostino.


Torniamo a Plato: stando a contatto con ciò che è bello fuori, sviluppiamo una ricerca a per ciò che è bello anche dentro, proprio perché altrimenti la stonatura fra bello fuori e brutto dentro rovinerebbe il nostro essere. Ma ciò che è bello anche dentro, attira ciò che è bene per il principio dell'armonia, ovvero perché i gradi della conoscenza (e ritorno al post di venerdì su Socrate) prevedono bellezza. Platone ci esorta in tutta la sua produzione a vivere secondo gli stilemi del bello non perché non ci sia di meglio da fare, ma per non farsi cogliere impreparati dalla morte. Posto che la vita è la preparazione alla morte, che non è già la fine o la resurrezione (cristiana) del corpo, besì la riviviscenza e la trasmutazione dell'anima, la quale reincarnandosi di vita in vita porta seco tutte le esperienze passate. Ergo, se io vivo bene e in armonia (primum non nocere..) e mi comporto il "bello" educherò me stesso e la mia anima in modo da renderla eletta e buona, sicché l'essere umano che la erediterà dopo di me ne gioverà. Notiamo la finezza?

Del resto ci sarà pure qualcuno che vuole andare in paradiso, o no? Tutti all'inferno?


Quindi l'anima che porta con sé i ricordi di tutte le esperienze vissute, porterà anche quelli legati alla bellezza. Non scordiamo la verticalità della concezione platonica della vita: l'ascesa costante verso l'alto. Aristotele, più scienziato ante litteram, proporrà una visione più materialista e orizzontale. Il platonismo è un inno alla veridicità per camminare verso il mondo delle idee che sta in alto e rende possibile l'esistenza, per riflesso, del mondo delle cose, che sta in basso. Ecco la verticalità. Laica, moderna e molto da rispolverare in questi tempi di concentrati orrori che tante scosse danno alla mente e all'anima di tutti noi. Anche Hermete Trismegisto parla del rìflesso di tutto ciò che sta in alto sta in basso, parlando del rapporto fra sfere celesti e condizione umana.




Le leggi educano al bello, ovvero al rispetto delle regole e della società come polis, koinè. Occhio però alla eredità narcisistica che la deviazione perversa dei decadentisti ci ha lasciato. Sebbene Oscar Wilde sia stato un mio amore giovanile, perché spregiudicato e scapigliato, ritengo avesse esagerato nella esaltazione selettiva di alcuni tratti della bellezza al solo scopo edonistico. Infatti è qui che la bellezza scade nei tratti malevoli del narcisismo, per i quali il bello/buono va risucchiato e svuotato della sua vitalità vampirescamente, per trarne aggio e vantaggio personale. E' sempre il fine che differenzia l'azione umana. Penso a tante relazioni di coppia o realtà aziendali comuni improntate sullo sfruttamento del buono/bello dell'altro per trarne vantaggio, sussistenza o profitto...ma così facendo il bello muore e con esso anche lo sfruttatore.


Poi c'è la bellezza apollinea: categorizzata, pettinata, ordinata contrapposta a quella dionisiaca: passionale, carnale, impetuosa disordinata. La prima è la bellezza dell'Io e la seconda dell'Es.


Botero: Tablao de Flamenco - 1984 - Provenance. Marlborough Gallery, New York: Botero non dipingeva corpi grassi, ma solo lo spazio dentro di essi...


Un omaggio alla bellezza del Tango con Hugo Diaz e la sua Volver, arrangiamento con chitarra calda e suadente, fisarmonica cinguettante e piano maestoso....


Bellezza è dunque prendersi cura di noi, dentro e fuori....e così, con l'anima in pace per averla fin qui nutrita a fondo, passiamo al fuori : dato che il mio compagno di vita e di viaggio è di Seoul, ho conosciuto la cosmesi coreana che devo dire, propone soluzioni intelligenti, eco-sostenibili oltre che eco-compatibili con il portafoglio di tutti. Alle signore interessate, lascio qui il link di un sito italiano da cui mi rifornisco con regolarità, la proprietaria italiana è molto in gamba e gentile, precise le consegne e i prodotti validi scelti con cura e aggiornati: https://www.moodyskin.it/.


Altra casa cosmetica che da anni evita che il mio aspetto vada a pezzi, confeziona prodotti usando solo olii vegetali assecondando però la loro evoluzione ed applicazione secondo tecniche scientifiche è Académie https://www.academiebeaute.com/fr/ . Unico neo: va acquistata su amazon o altri siti comunque numerosi per le consegne in italia o dai loro rivenditori. Che in genere detengono anche i trattamenti specifici nei salon de beauté.


Non lasciamo andare un giorno senza un seme di bellezza... a tavola, in amore, in azienda!! fra colleghi o boss, fra compagni di scuola o fra amici...


A giovedì e keep posting le vostre domande curiosità e richieste... vi ringrazio ed abbraccio







Don't forget to protect you and the others!



















L'intento di questo Blog è quello di fornire strumenti di aggregazione a distanza e promuovere la social solidarity per contrastare il social distancing. Per questo è importante che tutti partecipiate il più possibile con idee, testimonianze e pensieri nella rubrica quotidiana del Balcone di Cassandra. Perché l'aggregazione a distanza sarà il nostro futuro!


POTETE ISCRIVERVI AL BLOG COMMENTANDO UN POST QUALSIASI, COSì OGNI GIORNO IL MIO EFFICIENTE SEGRETARIO TELEMATICO (che non so dire dove sia collocato ma so che nel pc da qualche parte c'è e funziona!!) VI MANDA UN ALERT DISCRETO SULLA VOSTRA MAILBOX, AVVISANDOVI CHE CASSANDRA HA POSTATO LE NOSTRE GARRULE FIORITURE !

Scrivetemi su info@centroclinicoweller.com o nello spazio dei commenti dei post o su whatsapp al 335.7903610, le richieste, i suggerimenti, i commenti, le idee e quant'altro può far germogliare un fiore da regalare agli altri! (perdonate i refusi ma Cassandra malgrado gli occhiali è un po' ciecata...)

0 visualizzazioni

© 2020 by Jin's Production

Telefono:  335-7903610

Via Melzi d'Eril , 26 - c/o Centro Medico Sempione

Via Goffredo Mameli, 20 - Milano

Strada Malaspina, 2 - Segrate

P.I 10312130965- C.F. MRNGSC72R68F205U

  • White Facebook Icon
  • LinkedIn
  • Instagram
  • YouTube
  • White Twitter Icon
  • Vimeo
  • Pinterest
  • TikTok
  • Blogger
  • Trip Advisor